Qualunque cosa significhi amore • IL

Qualunque cosa significhi amore IL n 71 Guia Soncini Emiliano Ponzi

«Vabbè, ma sta chiaramente dicendo “non sai stare a tavola”, su.»
«Ma perché, invece secondo me dice “tieni le posate in un modo così particolare che lo rico- noscerei tra mille”.»

«Sì ma “modo particolare di tenere le posate” è: non quello del galateo.»
«Madonna quanto sei conservatore, “galateo”…»

«È una canzone dei tempi dei tuoi nonni, sciocchina.»
«E quanto sei paternalista.»
«Mi direte, piuttosto: solo negli anni Cinquan- ta poteva essere Louis Armstrong a dire a El- la Fitzgerald che la amava perché non sapeva stare a tavola, e non viceversa.»

«Perché, dopo gli uomini vi hanno superate in cafonaggine?»
«No: perché ora sarebbe considerato femmi- nicidio. Ci sarebbe una commissione di seno- noraquandiste che vaglia i versi e decide che quello dal quale l’oggetto del

desiderio traspare come un irrecuperabile cafone de- ve essere detto dalla donna all’uomo, altrimenti vi toc- cano sette interviste ripara- trici alla Boldrini.»

«Pensa l’arresto per direttis- sima di quello che tira sassi alla finestra accesa.»
«E perché, Paolo Conte che dal loggione la osserva? In- criminato per stalking senza passare dal via.»

«Anche se, vi dirò, un po’ di scrematura: sapete quan- te cover orrende di Bella senz’anima ci saremmo ri- sparmiati, se una commis- sione di femministicamen- te corrette avesse dovuto vagliare i testi?»

Vanni pensò che doveva
prendere lo Smythson nella
giacca, di sicuro poteva tor-
nar buona per un editoriale
questa cosa che la musica
in diffusione fosse ben più
utile, per fornire spunti alla
conversazione, del caro vecchio presentare gli ospiti elencando a uno gli interessi dell’altro. Devo ricordarmi di prendere appunti con espressione impenetrabile, ché non capiscano se sto facendo cascina di spunti per gli articoli futuri o annotando idee per comizi.

«Vanni, vieni qui e dammi ragione: comunque sia, il Corriere farà il record di vendite, no?» «Mah, non ne sarei così sicuro.»
«Dici che agli italiani non interessa sapere se il loro editorialista preferito si candida a fare il sindaco?»

«No, sta dicendo che comunque c’è internet, ci sono le rassegne stampa, i social network: non è che devi andare in edicola per sapere che notizia ha pubblicato un giornale, per le nove l’avranno già ripresa tutti.»